gennaio 23

Una carriera per gli insegnanti. Buone notizie e problemi aperti.

mentorUna carriera per gli insegnanti. Buone notizie e problemi aperti.
di Aldo Tropea

La stampa si sta riaccostando in questi giorni al tema della Buona Scuola, naturalmente facendo leva sugli aspetti più mediaticamente di richiamo. Così sono riapparsi, sia nelle pagine nazionali sia in quelle locali, i temi dell’assunzione dei precari, della valorizzazione del merito, della “carriera” degli insegnanti, anche se a volte con evidenti forzature. Continue reading

gennaio 22

Partire bene. L’Autovalutazione delle scuole tra difficoltà e rischi

images8VJ9B29ZPartire bene. L’Autovalutazione delle scuole tra difficoltà e rischi
di Antonio Valentino

È difficile dubitare che l’AV, se fatta nel modo giusto e inserita in un processo mirato, può essere un potente fattore di miglioramento delle nostre scuole. E, anche se la fase che il sistema nel suo insieme sta vivendo non sembra ancora presagire disponibilità dietro l’angolo a spiccare il volo, c’è, nei più avveduti tra quanti seguono le vicende scolastiche, la consapevolezza che, sul percorso triennale che dall’AV di scuola porta alla rendicontazione sociale, si giochi una partita importante, strategica, come si usa dire adesso: Continue reading

gennaio 19

Buona scuola e Autonomia: l’impegno (non rinviabile) di un Governo riformatore

imagesSPL4ZWEBBuona scuola e Autonomia: l’impegno (non rinviabile) di un Governo riformatore
di Nicola Puttilli

E’ stato di sicuro interesse il seminario organizzato martedì 13 gennaio da ANDIS e DISAL sul tema della nuova dirigenza scolastica presso la Sala del Refettorio alla Camera dei Deputati.
Come sempre un piacere sentire Luigi Berlinguer, ormai uno dei pochi in grado di coniugare competenza, entusiasmo e passione civile e saperli trasmettere a chi ha la fortuna di interloquire con lui. Continue reading

gennaio 11

I fatti di Parigi: la sconfitta della scuola?

imagesNENPOLALI fatti di Parigi: la sconfitta della scuola?
di Maurizio Tiriticco

I giovani terroristi che hanno agito a Parigi erano cittadini francesi, scolarizzati in scuole francesi fin da piccoli. Mi domando: in un Paese democratico e in una scuola altrettanto democratica, com’è possibile che non si sia riusciti a educarli alla convivenza civile e all’accettazione di quel pluralismo religioso che potrebbe costituire un arricchimento e non un limite per la crescita/sviluppo di ciascun cittadino, di qualsiasi etnia (non razza, ovviamente) e credo religioso? Continue reading

gennaio 5

La “questione insegnanti” nella consultazione sulla Buona Scuola

unoLa “questione insegnanti” nella consultazione sulla Buona Scuola
di Antonio Valentino

I risultati della consultazione governativa sulla “buona scuola” (BS), riportati dal documento ministeriale del 15 dicembre 2014 “La BS. La consultazione”, non si discostano molto, per la maggior parte delle questioni considerate, da quelli attesi. Anche su alcuni aspetti chiave della questione docente, come la valutazione e il riconoscimento del “merito”. Continue reading

dicembre 23

Alcuni pensieri su alternanza scuola-lavoro e “canale duale”

resizeAlcuni pensieri su alternanza scuola-lavoro e “canale duale”.
di  Aldo Tropea

La giornata conclusiva della prima fase di dibattito intorno ai temi della “Buona scuola” che si è svolta a Roma il 13 dicembre scorso ha rappresentato una prima sistemazione della grande messe di contributi pervenuti dai diversi soggetti dopo il lancio della proposta ad opera del governo. A livello di orientamento generale credo si sia trattato di un buon lavoro, caratterizzato anche da un “clima” sorprendentemente positivo, quale ormai raramente è possibile trovare nel mondo della formazione, provato da decenni di incertezze, tagli ministeriali e veti sindacali. Continue reading

dicembre 19

Imparare la musica a scuola, cambia la scuola e la vita

chitarre7Imparare la musica a scuola, cambia la scuola e la vita
di Luigi Berlinguer

Innovazione e centralità dell’apprendimento, partendo dall’obbligatorietà della musica a scuola, porterà un grande beneficio nello sviluppo del cervello degli studenti italiani.

“La buona scuola va attuata” – lo ha affermato con molta enfasi Renzi, rivolgendosi alla platea dei componenti la commissione SCUOLA del PD – ed ha aggiunto: “siete voi. È la gente di scuola che deve attuarla. Troviamo 1000 persone che si dedichino operativamente a realizzare quest’obiettivo”. Continue reading