settembre 16

Riflessioni di settembre

byod13Riflessioni di settembre
di Stefano Stefanel

                Sul Corriere della sera di oggi (16 settembre 2018) appaiono due notizie che mi riguardano. Non perché parlino di me o delle scuole che dirigo, ma perché descrivono comportamenti dirigenziali opposti ai miei. Le notizie che riporto vengono desunte dai giornali, visto che non ho alcuna conoscenza dei fatti o dei colleghi. Quindi possono anche non essere nella realtà così come vengono raccontate. Continue reading

settembre 5

L’alternanza scuola-lavoro: tempo di ripensamenti?

SecondThoughtsAug15FeatureSizedL’alternanza scuola-lavoro: tempo di ripensamenti?
di Aldo Tropea

Il parere del Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione

L’impressione che si ha nel leggere il parere autonomo espresso il 26 luglio 2018 dal Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione (CSPI) in materia di “Alternanza Scuola Lavoro” (ASL) è quello di una riflessione che presenta certamente aspetti positivi, ma al tempo stesso contraddizioni e rischi, con ambiguità che forse spiegano l’inconsueto unanimismo con cui è stato approvato da forze che solitamente non la pensano proprio nello stesso modo. Continue reading

agosto 22

Per una didattica delle emozioni. La prevenzione del disagio attraverso la competenza emotiva

didattica delle emozioni 1Per una didattica delle emozioni. La prevenzione del disagio attraverso la competenza emotiva
di Rossella De Luca

A partire dallo scorso anno scolastico, un istituto comprensivo delle Marche ha introdotto nel proprio curricolo di scuola come disciplina l’ “Educazione alle emozioni”, ovvero un’ora settimanale di lezione, con tanto di valutazione, all’interno della quale i bambini possono raccontarsi e
condividere con compagni e insegnanti il proprio mondo interiore, un’ora per promuovere il benessere in classe e prevenire il disagio nelle sue diverse forme (bullismo, dipendenza, aggressività, abbandono scolastico). Continue reading

agosto 20

Il Concorso per Dirigenti Scolastici. Ragionando sulla prova scritta

Letter_01Il Concorso per Dirigenti Scolastici. Ragionando sulla prova scritta
di Antonio Valentino

Un auspicio, per cominciare

Il modello organizzativo di prova scritta del concorso per Dirigenti scolastici (DS) ripropone sostanzialmente quello utilizzato per l’immissione in ruolo dei docenti abilitati (concorso del 2016). Non più temi o prove similari, ma quesiti a riposte aperte (sei) e chiuse (due). Per il concorso di cui ci stiamo occupando, i quesiti a risposta aperta (RA), come è noto, sono cinque e ancora due quelli a riposta chiusa (RC). Sappiamo come è andato il primo: polemiche e proteste più che giustificate per molte delle tracce proposte per le diverse classi di concorso: oggettivamente complesse, e tali comunque da necessitare tempi ben più lunghi di quelli a disposizione (150 minuti per gli 8 quesiti) per uno svolgimento minimamente compiuto e pensato.

È da sperare che l’esperienza del 2016 non passi nel dimenticatoio. Continue reading

luglio 17

Ricominciamo dalla pedagogia

pedagogiaRicominciamo dalla pedagogia
di Maurizio Tiriticco

 Carissime! Carissimi! Grazie di essere così numerosi qui a Laceno per discutere di pedagogia, piuttosto che stare al mare ad abbronzarvi! Mi piace ricordare una riflessione di Carlo Cattaneo, tratta da “I problemi dello Stato italiano”. E’ un’ottima cosa il fatto che “i maestri e le maestre, chiuso il loro annuale corso d’insegnamento, vengono chiamati alla volta loro a imparare. Parte dell’anno insegnano; parte dell’anno imparano ciò che debbono insegnare. E così, d’anno in anno, questi veri padri e queste vere madri del popolo salgono d’un gradino la scala; e con loro sale tutto il popolo”.

Continue reading

giugno 25

Gli indirizzi per la redazione del PTOF del Dirigente scolastico

Letter_01Gli indirizzi per la redazione del PTOF del Dirigente scolastico
di Stefano Stefanel

          Il testo che propongo pubblicamente non è propriamente un articolo o un approfondimento, ma un punto all’ordine del giono del Collegio docenti e del Consiglio d’Istituto redatto in forma discorsiva anche nella sua versione ufficiale. Per poter realizzare un lavoro completo che coniughi innovazione e rigore ho deciso di dare al Collegio docenti e al Consiglio d’istituto gli indirizzi per il Piano Triennale dell’Offerta Formativa (2019/2022) – da approvarsi entro il 31 ottobre 2018 – al termine del presente anno scolastico (Collegio docenti del 19 giugno 2018 e Consiglio d’Istituto del 27 giugno 2018) per permettere un’elaborazione estiva del documento, da limare poi nel primo periodo scolastico che – nel Liceo che dirigo – corrisponde anche al primo dei due periodi di valutazione (la scansione dei due periodi disomogenei è 11 settembre/31 ottobre e 2 novembre/11 giugno). Continue reading

maggio 19

Le sorprese di maggio. Per Ds e Scuole

surprise-03Le sorprese di maggio. Per Ds e Scuole
di Antonio Valentino

Le questioni del mese nel mirino MIUR

Maggio non è soltanto il mese delle rose e delle ciliegie. E della Madonna, se si vuole.

Per le scuole è anche il mese delle “uscite” ministeriali a sorpresa, sotto forma di Note; tutte tese comunque – gliene va dato merito, volendo – a risollevare il loro clima interno nella parte finale dell’anno scolastico, notoriamente rilassato e free. Continue reading

marzo 24

Il punto della situazione

dominoIl punto della situazione
di Stefano Stefanel

         Poiché mi pare che siamo arrivati ad un nuovo momento di svolta anche per la scuola italiana (direi almeno il decimo degli ultimi vent’anni), prima di trovarci di fronte a procedure da completare e a modifiche da avviare dentro una confusione che rischia di essere ossessiva più che oppressiva, provo a stilare una sintetica agenda di alcune questioni aperte, al di là di qualunque modifica possa avvenire nei prossimi mesi. Continue reading

febbraio 25

communicationL’inesperienza comunicativa delle scuole
di Stefano Stefanel

         La comunicazione sia verso l’interno, sia verso l’esterno è un elemento essenziale di qualunque pratica aziendale. Tutte le organizzazioni gestiscono la comunicazione come un elemento strategico, legato non solo a potenziali aumenti di fatturato e di attenzione, ma anche alla costituzione di strutture solide che veicolino – nel limite del possibile – solo messaggi positivi. Continue reading