aprile 10

Se gli adolescenti sono vittime di una seconda “pandemia” voluta dagli adulti

pink-floyd-the-wallSe gli adolescenti sono vittime di una seconda “pandemia” voluta dagli adulti
di Emanuele Contu
pubblicato su “il sussidiario.net”

C’è una pandemia parallela, di fatto creata dagli adulti, cui occorre rimediare il prima possibile: le perdite irreparabili subite dai giovani a livello emotivo e cognitivo.

Poco meno di un anno fa, quando si intuiva che le scuole sarebbero rimaste chiuse fino al termine dell’anno scolastico, domandavo se il diritto a educazione e istruzione fossero diventati negoziabili e condizionati. Continue reading

Category: articoli | Commenti disabilitati
aprile 1

Il silenzio dei bambini

silenzio2Il silenzio dei bambini
di Teresa Staiano

 Anche oggi ho percorso i corridoi silenziosi e le aule vuote della mia Scuola. Quasi a ripassare mentalmente il vocio consueto, per ri-cord-are (“richiamare al cuore”) che quello è il loro posto, e che solo per uno strano incidente astrale, capitato chissà come, si trovano ora in un universo parallelo, ove si sono temporaneamente travasati suoni, vocine, risa argentine, domande e l’appellativo ricorrente “Maestra! Maestra!”. Continue reading

Category: articoli | Commenti disabilitati
marzo 27

Un altro anno difficile (Natura non facit saltus)

anno difficile2Un altro anno difficile (Natura non facit saltus)
di Stefano Stefanel

                In questi ultimi giorni sono uscite le Ordinanze n° 52 e 53 (3 marzo 2021) sugli esami di stato conclusivi dei due cicli dell’istruzione e il Decreto legge n° 41 (22 marzo 2021), che contiene il comma 6 dell’articolo 31 che introduce una novità di portata molto ampia: “Al fine di supportare le istituzioni scolastiche nella gestione della situazione emergenziale e nello sviluppo di attività volte a potenziare l’offerta formativa extracurricolare, il recupero delle competenze di base, il consolidamento delle discipline, la promozione di attività per il recupero della  socialità,  della  proattività, della vita di gruppo delle studentesse e  degli  studenti  anche  nel periodo che intercorre tra la fine delle lezioni dell’anno scolastico 2020/2021 e l’inizio di quelle  dell’anno  scolastico  2021/2022, il Fondo per l’arricchimento e l’ampliamento  dell’offerta  formativa e per gli interventi perequativi, di cui all’articolo 1 della legge 18 dicembre 1997, n. 440, è incrementato di 150  milioni  di  euro  per l’anno 2021.Continue reading

Category: articoli | Commenti disabilitati
marzo 12

La scuola è una pubblica amministrazione da riformare?

desmaterializaçao_processos_bpm_fusionforenergyLa scuola è una pubblica amministrazione da riformare?
di Stefano Stefanel

            La scuola è una pubblica amministrazione da riformare?  Da un punto di vista teorico la risposta dovrebbe essere positiva, visto che nel complesso, tra dipendenti di ruolo e dipendenti precari, la scuola ha una pianta organica di circa 1.200.000 dipendenti. La sua composizione mista la porta ad erogare servizi di tipo non commisurabile, come sono quelli dell’educazione, della formazione e dell’apprendimento, collegati a quelli di carattere economico e fiscale, più simili alle altre pubbliche amministrazioni dello stato. Continue reading

Category: articoli | Commenti disabilitati
febbraio 22

Il punto sulla formazione dei docenti

formazione1Il punto sulla formazione dei docenti
Le buone idee da mettere a sistema
di Renato Rovetta

La Nota del Ministero sulla formazione del 24 novembre scorso (n. 37467)[1] ha dato avvio alle iniziative formative rivolte al personale docente per l’a.s. 2020/2021. La Nota, oltre a distribuire le risorse finanziarie alle diverse regioni e a confermare la modalità telematica a distanza come obbligatoria alla luce dell’emergenza pandemica, individua le priorità annuali per le attività formative e ricorda e le modifiche alla governance del sistema di formazione in servizio introdotte dal C.C.N.I. definitivamente sottoscritto il 23 ottobre 2020.
Continue reading

Category: articoli | Commenti disabilitati
febbraio 12

Semplificare vuol dire eliminare

Semplificazione2Semplificare vuol dire eliminare
di Stefano Stefanel

            La scuola si trova in una situazione di costante criticità in quanto la sua qualità di autonomia funzionale dello stato la pone come crocevia amministrativo di troppi soggetti che agiscono contemporaneamente, con richieste continue e senza alcun tentativo o necessità di coordinare i loro interventi. Così succede che, quotidianamente, si attivino scadenze o arrivino richieste da soggetti con loro proprie tempistiche per nulla in linea con quelle della scuola, per cui la Pubblica Amministrazione scolastica deve interfacciarsi con il ministero, con le autorità di gestione, con gli uffici scolastici regionali e gli uffici scolastici provinciali che non si coordinano, con gli enti locali regionali, provinciali e comunali, con i revisori dei conti, con i servizi sociali, con le ASL, con l’Inps, con l’Inail, con i dipartimenti di prevenzione, ecc. in un elenco che sembra non finire mai. Continue reading

Category: articoli | Commenti disabilitati
gennaio 7

Il vaccino della democrazia

immaginazioneIl vaccino della democrazia
di Rossella De Luca

Questa breve riflessione è stata originata dalla lettura, casualmente sincrona, di due testi tra loro molto diversi: un articolo, pubblicato recentemente sul quotidiano La Repubblica, dal titolo “Vaccino, la risposta biotech dell’Occidente”, a firma del direttore Maurizio Molinari, e un noto saggio risalente a qualche anno fa di Martha Nussbaum, intitolato “Non per profitto: perché le democrazie hanno bisogno della cultura umanistica”. Continue reading

Category: articoli | Commenti disabilitati
dicembre 28

L’attenzione verso la scuola

 

retescuolegreenL’attenzione verso la scuola
di Stefano Stefanel

L’emergenza nata a causa della pandemia da Covid 19 non accenna a diminuire, anche se fortunatamente si vede la fine dell’incubo per l’arrivo dei vaccini. In questi dieci mesi la scuola è diventata un argomento mediatico di notevole impatto, mostrando la debolezza di un grande paese come l’Italia  che ha difficoltà a supportare questo fondamentale ganglio della vita sociale. Continue reading