febbraio 19

Autonomia didattica e organizzativa come area tematica prioritaria della Formazione

imagesLNWOB6YDAutonomia didattica e organizzativa come area tematica prioritaria della Formazione

L’autonomia nel PNF: una occasione di rilancio? Come è noto ai più, nel Piano nazionale di Formazione (PNF) le nove priorità del 2016-2019 (cap. 4) sono raggruppate secondo tre tipologie di ‘competenze’ (‘di sistema’, ‘per il 21° secolo’, ‘per una scuola inclusiva’).
Continue reading

gennaio 23

Alternanza scuola lavoro. Esame di Stato. Università. Adesso serve il progetto

alternanza2Alternanza scuola lavoro. Esame di Stato. Università. Adesso serve il progetto
di Stefano Stefanel

                 I recenti sviluppi della legge 107 del 13 luglio 2015 hanno portato all’attenzione dell’opinione pubblica alcune questioni scolastiche aperte, che però si stanno confondendo nel confuso dibattito che ormai si svolge senza soluzione di continuità tra gli “esperti” di scuola, sui social e addirittura sui quotidiani una volta reticenti a dedicare ampio spazio alle scuole a meno che non si trattasse di notizie sul bullismo, sul crollo di soffitti, su atti riprovevoli di studenti e insegnanti. E’ evidente che qualcosa si sta muovendo nel mondo della scuola e che la legge 107 ha aperto spazi che erano chiusi, ma attendevano soltanto di essere aperti. Continue reading

gennaio 20

Anche la formazione dei DS cambia pelle. Si spera

lucertolaAnche la formazione dei DS cambia pelle. Si spera
di Antonio Valentino

 Il modello formativo

Le nuove linee sulla formazione dei DS  sono così chiarite nello specifico Documento ministeriale del 22 dicembre 2016[1]: “Le attività assumeranno uno spiccato carattere operativo e laboratoriale e vedranno il diretto coinvolgimento dei dirigenti scolastici, in veste di promotori della loro formazione, attraverso iniziative di ricerca-azione, confronto sulle pratiche organizzative, produzione di materiali utilizzabili nei contesti di lavoro”. Continue reading

gennaio 15

Valutare i dirigenti scolastici per rendere stabile il sistema dell’istruzione

evaluation2Valutare i dirigenti scolastici per rendere stabile il sistema dell’istruzione

di Stefano Stefanel

Il processo di valutazione dei dirigenti scolastici sembra avviato alla sua realizzazione. Che le cose siano andate avanti lo si comprende anche da un certo allarmismo di una parte della categoria che preme anche se in maniera non molto evidente per l’ennesimo rinvio, ma anche dagli atti che il Miur sta compiendo tramite gli Uffici Scolastici Regionali, primo tra tutti la nomina dei Nuclei di Valutazione. Continue reading

gennaio 7

Piano nazionale della formazione e bonus premiante: se cambia il profilo del docente

imagesyf07gf3dPiano nazionale della formazione e bonus premiante: se cambia il profilo del docente
di Stefano Stefanel

         Il Contratto collettivo nazionale dei docenti è fermo da quasi dieci anni e non si vedono all’orizzonte volontà e risorse per il rinnovo. Non so quali strategie abbiano ministero e sindacati per venir fuori da questa impasse, ma i segnali che si vedono, anche a seguito della legge 107/2015, sembrano andare in altra direzione. Continue reading

gennaio 4

Formazione: partire col piede giusto

gFormazione: partire col piede giusto
di Antonio Valentino

 

Probabilmente il Documento ministeriale sul Piano Nazionale per la Formazione in servizio (PNF), allegato al Decreto Ministeriale 797 del 19.10.2016, è quello destinato a incidere più profondamente nella vita della scuola, se ovviamente funziona. Ne è consapevole lo stesso Ministero che è ricorso allo strumento legislativo del DM per  sottolinearne il valore strategico e che ha messo a disposizione dell’operazione formazione risorse importante se paragonate a quelle degli anni precedenti. Continue reading

dicembre 17

Non basta dire: “obbligatoria”. A proposito di formazione in servizio e questioni connesse.

mNon basta dire: “obbligatoria”.
A proposito di formazione in servizio e questioni connesse.

di Antonio Valentino

L’interrogativo di partenza: correggere o bloccare?

Appena conosciuto l’esito del referendum, si è sentito invocare, da parte di settori del mondo della scuola, il blocco dei processi partiti con la recente legge di riforma sulla scuola, in concomitanza con le dimissioni del governo Renzi e la previsione di uno nuovo governo.

L’obiettivo in queste posizioni è chiaro: affossare tutte le disposizioni messe in campo dallo scorso anno: da quelle sulla “valorizzazione del merito” e sull’organico “potenziato” a quelle sull’alternanza scuola-lavoro e sulla cosiddetta chiamata per competenze; dal PNF alle Reti di ambito. Ma anche: azzerare i lavori avviati sulle Deleghe. Per tornare allo status quo ante. Continue reading